Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Ugo Foscolo
Il Piacere

VI

Nox...
O voluptatis et ministra
( Pontanus )

Grazie, arridetemi, riso soltanto
Per noi serpeggi su la mia cetera,
Chè il soavissimo Piacer io canto.

Coll'estro facile carme gentile
Io vo tessendo, carme ch'è simile
A un fior ingenuo del gaio aprile.

Ma il fior ingenuo olezza e more;
Anche il mio canto sen muoia subito,
Purché per l'aere dispieghi odore.

Già posa il candido ritondo braccio
Sopra le coltri sacrate a Cipria,
Braccio che amabile tessuto ha un laccio.

Co' piedi teneri, o biondi Amori,
No, non calcate quel roseo talamo,
Ma sparpagliatevi fragranti fiori,

Correte rapidi, fanciulli alati,
Correte dove in danze atteggiano
Le Grazie i morbidi piè dilicati.

Udite Venere, la Diva udite
Che vel comanda, di qui fuggitevi,
La venerabile Diva ubbidite.

Restar sul talamo sola desia,
Della fanciulla che sparge lagrime
Sola vuol vincere la ritrosia

O dense tenebre, sì desiate!
Giovane, taci, mi grida Cipria,
Ch'omai s'appressano l'ore beate.

Taccio: ma l'anima non può tacere,
Tra sè ella canta gli accenti fervidi,
Chè invasa sentesi sol da piacere.

Qual grato fremito le taciturne
Ombre sussurra, ombre che romponsi
Dal raggio argenteo di membra eburne.

O tu degli esseri vivo fermento,
Sacro Piacere, per te in quest'anime
Spruzza il tuo nettare, del ciel contento.

L'aureo Filosofo dall'urna s'alzi,
Bench'ombra cinga le bianche tempie
Di rose, e un cantico egli t'innalzi.

Per te sol prendono, o bello Dio,
Gli augelli il canto, per te dei zeffiri
Dolce è all'orecchio il mormorio.

Sol per te il fervido bel garzoncello
A donzelletta vezzosa ingenua
Rivolge cupido l'amante occhiello.

Ah! un dì le rosee ver me tue piante
Volgi, o Piacere, de' Numi invidia,
Sarò beatissimo da quell'istante.

Leggi le Poesie di Ugo Foscolo