Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Mario Luzi
Visitando con E. il suo paese

Quali regioni dormono dietro di te, che luoghi
mi s'aprono improvvisi alle tue spalle,
poggiate aride, balze, coltivati
e profili più oltre di montagne, e alle pendici
città dai corpi intatti nelle teche
mentre al tocco dell'aria le tuniche si sfanno.

La valle si restringe, si restringe, è una serpe
verdessima nel fondo, migra, spare.
Che strada morta a tratti, che carraia
tra forre grige e cave alla distanza
risale fino a me la tua preistoria.
Qui sediamo irreali tra gioventù e vecchiaia.

Ombre, ma non dovrebbero, m'inducono a pensare:
là fosti colma, qui alcunchè si perse,
altro nacque, di tutto ignoro il corso.
No, non c'è tempo, no, non c'è rovina,
pensieri che non erano più tuoi oggi rinvengono
e tutto muta, è identico, tu sei in mezzo e raggeli.

Potrebbero interessarti