Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Poesia di Luciano Tarabella
Davanti a una donna bella e giovane

Quando vedo una donna bella e bòna
mi piglia un nunzocché di bonumore;
la guardo e la riguardo a tutte l'ore,
n'ammiro l'occhi, ir viso, la persona

le gambe, ir culo e, spece s'è puppona,
allora sì mi viene ir battìore;
mi si piglia una spece di tremore
che mi devò accascià sulla portrona.

E mentre, lì sdraiato, sbuffo e sogno
che cosa ni farei l'avessi a letto
quella grande bellezza così rara,

( ve lo dèvo spiegà o un c'è bisogno?)
mi guardo, a collo torto, quer cencetto
e penzo, fra di me, che nun c'è gara!