04242017Lun
Last updateLun, 24 Apr 2017 8am

Poesie di Giovanni Alfredo Cesareo

Poesia di Giovanni Alfredo Cesareo - Sicilia


Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

taormina
Poesia di Giovanni Alfredo Cesareo
Sicilia 

lo nacqui dove il ciel ride sereno
su l'isola felice, occhio de' mari,
dove fervendo mescono
le lor grida ai mattini umidi e chiari
il molle Jonio e il fumido Tirreno.

Sfolgora il mezzodì per le campagne
nel tremulo silenzio frascheggianti
e polverose torcono
le braccia i chionzi fichi d'India, innanti
ad aspri anfiteatri di montagne.

Su le baie, che s'aprono falcate,
le ville son bianche colombe in giro;
le piagge azzurre fremono
odorando; dall'etra il gregge pende
e l'Etna immane all'orizzonte fuma.

Da Poesie

Giovanni Alfredo Cesareo esalta in questi versi la sua Sicilia, che egli vagheggia fertile e ridente sotto il cielo terso nel silenzio meridiano rotto dal vasto murmure del vento mentre i fichi d'lndia fra aspre montagne ad anfiteatro torcono le braccia polverose;
e i declivi a specchio dei due mari e le baie popolate di ville biancheggianti odorano alla brezza, il tutto sotto l'occhio vigile dell'Etna che s'alza smisurato all'orizzonte col suo cono fumante.


Sezioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info