Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Gioachino Belli
La creazzione der monno

L'anno che Gesucristo impastò er monno,
ché pe impastallo già c'era la pasta,
verde lo vorze fà, grosso e ritonno,
all'uso d'un cocommero de tasta.
Fece un zole, una luna e un mappamonno,
ma de le stelle poi dì una catasta:
su ucelli, bestie immezzo, e pesci in fonno:
piantò le piante, e doppo disse: "Abbasta".
Me scordavo de dì che creò l'omo,
e coll'omo la donna, Adamo e Eva;
e je proibbì de nun toccaje un pomo.
Ma appena che a magnà l'ebbe viduti,
strillò per dio con quanta voce aveva:
"Ommini da vienì, séte futtuti"

Il sonetto è datato 30 settembre 1857

Commenti

Potrebbero interessarti