Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

gatto nero

Poesia di Gioachino Belli
Er micio nero

Mentre guidavo, un gatto
nero com’ar carbone
m’attraversò d’un tratto
la strada da ‘n cantone
e, come ‘n disperato
cantava la canzone
der micio ‘nnamorato
ch’insegue la su’ gatta
per tutt’er vicinato.

Frenai de corpo e lesto
facenno li scongiuri
cambiai de direzzione
ond’evitar che presto
disgrazzie a profusione
me piovesser’addosso.

Così sentii la botta
striscianno contr’ai muri:
la machina sfasciata
m’aggiustò la giornata!

Er gatto me guardava
ridenn’a più non posso:
- Ma che te ridi, gatto? -
- Rido -, rispose schietto
- Perché me par’un matto!
Ma quanno sarti er fosso?
Già stamo ner futuro
e tu credi ch’un gatto
pur se di pelo scuro
te po’ portà sfortuna?

Mejo sarebbe stato
s’er gatto ‘nnamorato
er canto suo alla luna
avesse destinato,
s’invece de vagà
com’un cretino
lungo ste strade qua
der Prenestino
fusse rimasto a miagolà
s’un tetto affianc’a n’abbaino
pe portasse la gatta
drent’ar letto!

E ‘nvec’er maledetto
ha rotto li cojoni
a ‘n poveretto
(che ignaro der progresso,
delle moderne azzioni,
s’ostin’a fare er fesso)
siconno er quale per retaggio antico
er gatto nero mena gramo spesso
e porta jella quanto nun ve dico!

Commenti

Potrebbero interessarti