Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

La cechezza der Papa
di Gioachino Belli

La Roma dell' Ottocento nei sonetti di Gioachino Belli

No, sor Pio, pe smorzà le trubbolenze,
questo qui nun è er modo e la magnera.
Voi, Padre Santo, num m'avete cera

da fà er Papa sarvanno l'apparenze.

La sapeva Grigorio l'arte vera
de risponne da Papa a l'inzolenze:
vònno pane? mannateje innurgenze:
vònno posti? impiegateli in galera.

Fatela provibbi st'usanza porca
de dimannà giustizzia, ch'è un inzogno:
pe fà giustizzia, ar più, basta la forca
.

Seguitanno accusi, starete fresco.
Baffi, e gnente pavura. A un ber bisogno
c'è sempre l'arisorsa der todesco.


Commenti

Potrebbero interessarti