Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Gino Cabano 
En penseo

En sbate d’ae

en t’e nuvie cl’a se rave

Usei che pae ch’i nedie

en te quel’aia veta

‘n dove en soe setenbrin

rado e pelandron gi acaresa

i arbi chi ghe ‘nsegne a strada

En ṣiotondo de fanti

ch’i dan adrè ar se vive

Dove g’èn ‘ndà

quei omi da a goṣe borda

ch’i sbrage e i no lo san

envece de parlae?

Na schegia de vetio scuo

en ter fondo der mae

Traduzione 

Un pensiero 

Un battito di ali/ nelle nuvole che si aprono/ Uccelli che sembrano nuotare/ in quell’aria vuota/dove un sole di settembre/ evanescente e svogliato accarezza/ gli alberi che gli insegnano la strada/ Un girotondo di ragazzi/ che inseguono la loro vita/Dove sono andati quegli uomini dalla voce  grossa che urlano e non lo sanno, invece che parlare?/ Una scheggia di vetro scuro nel fondo del mare. 

Commenti

Potrebbero interessarti