Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sonetto di Cesare Pascarella
La corona dei fiori freschi 

Nun posso. Creda che nun è stranezza,
Perché, creda, signora, io so' reale.
Io je venno un lavoro d'esattezza,
Nun j'appoggio 'na cosa dozzinale.

Vede, fosse di carta o sia di pezza,
Je la darebbe ar costo tale e quale.
Ma ste rose!... Ma guardi che freschezza!
Cosa dice? Si secca? È naturale!

D'antra parte, lei pure m'insegnate,
Che tutto sto concorso de persone,
Qui, se riduce tutto a ste giornate.

Quanno se so' seccate, Iddio provede!
Ma che j'importa a lei de le corone,
Quanno nun c'è gnisuno che le vede?

Commenti

Potrebbero interessarti