Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Firenze
Poesia di Carlo Betocchi
Poeta in Firenze 

Non fu nella mia casa: era un tetto
d'albergo, sull'Arno. La gronda
come una gota tonda, infantile
ma che trascolorasse di ruggine;
pretto era il castagno dei correnti.
Era, sorretta dai melanconici
anelli, linea che si fa curva
per sfuggirsi, e al fresco
appoggiava la guancia remota
dei venticelli del fiume.
Nell'asciutta mattina la lamiera
opaca d'intime specchiature,
vernice e ruggine senza riflessi,
in una lunga linea di desiderio
volta alle colline, con i tetti
del lungarno, freddi nello stesso freddo.
Senza un volo che ne spiccasse,
senbza un nido, sulla cerulea
corrente del fiume, mentre il freddo
la varcava, e gli zoccoli dei cavalli
si rimandavan l'eco dalle rive.