Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

hugo muhlig cacciatore con il suo cane
Poesia di Carlo Betocchi
Il cacciatore d'allodole

In una valle che matura al sole
mille diletti all'estuoso fiume
io andavo un giorno cacciando l'allodole.
A fior del greto, nascevano brune
a forza d'ali, e afferrate dall'aria
mi mostravan nel petto bianche piume.
Incerte, sopra il verde che le ammalia,
e non certe di me, parevan dirmi,
volando e rivolando: - Abbi pietà
di noi che andiamo cantando i nostr'inni:
ma più cercando, come alati arrnenti,
quiete pasture nei vostri confini.
Spesso, senza vederle, nei silenzi 
del vento udivo i richiami improvvisi 
che l'un l'altro facevano; ma uccelli 
d'altra razza saetta vano decisi; 
poi vedevo una coppia fremer alta 
dall'ali aperte piovendo quei gridi.
La canna del fucile al sol rigava 
d'un minuscolo lutto la campagna 
che quei sottili canti nevicava. 
- Poche allodole, in questa valle bagna, 
a notte, la rugiada - e tra le stoppie 
magre, guardavo, che il fiume guadagna. 
Ecco, cosi pensando, e non a coppie, 
dispari, a branchi, da liberi uccelli 
come son questi, svolavano allodole. 
Una, con volo incerto, come quegli 
esseri in cui segreta si consuma 
la morte ancora sui biondi capelli, 
veniva quasi attratta dalla cruna 
danzante della mira del fucile 
sempre più tonda nella dolce piuma. 
Le vidi a un tratto sull'ali fiorire 
un bianco acuto come un fior di spina 
poi nel mio cuore la sentii sparire; 
precipitò, come fa la mattina 
che rotea di tra i rami sopra il fiume, 
e cadde tra le zolle a me vicina, 
mescolando le dure ali e le piume. 
La guardo ancora, che il vento le aduna 
poco respiro sul petto, e l'assume.

Da Poesie

È il ricordo di un giorno in cui l'Autore, appostato per la caccia delle allodole in una valle amena bagnata da un fiume, ne vide una che gli volava sopra il capo quasi attirata dalla mira del fucile: e la colpì, stendendola a terra in un confuso grumo di penne e di piume, mentre emetteva gli ultimi aneliti. 

Leggi le Poesie di Carlo Betocchi