Login

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

cioccolato
Poesia di Alberto Mario Moriconi
-
Frantumi di cioccolato -


Con tre colpetti il cucchiain d'argento
squarciò l'uovo, una sfoglia
di cioccolato:
un momento
che il bimbo ha trepidato
Costò una pecorella,
gialla come un pulcino,
milleseicento lire ,
Come può divertire
un uovo e un cucchiaino!
Fuori, hanno loro cose
che non costano nulla
altri piccini ch'escono nel sole
Le vetrine fastose ,
tepidi effluvi di pasticceria
da intercettar sul limitare ,
e la folla chiassosa della via,
che a sfibqiare s'appresta,
oggi, la cinghia a gloria del Risorto
Lindi colori d'aprile, sete novelle
fluttuano nei loro sognanti occhi ammaliati ,
I campanili, le rondini, il sole,
le campane a distesa, cultura e società
e ogni chiesa
una serra,
velata di fumi
d'incenso,
gioiosa di lumi,
or che l'Ucciso non è più sotterra .
Resta
ai bimbi dei poveri
la festa
di primavera:
per loro le campane e il cielo e Gesù che ascende
in un odor di cose buone!
Nel suo salone
a stucchi, sta deluso ,
ugglato ,
si riguarda i frantumi
di cioccolato, .
quel bimbo che tutto possiede
e solo attendeva di nuovo,
oggi, qualcosa
da un uovo.

Commenti

Potrebbero interessarti