Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Il Canzoniere di Francesco Petrarca
Canzoniere di Francesco Petrarca 

333-366

333
Ite, rime dolenti, al duro sasso
che 'l mio caro thesoro in terra asconde,
ivi chiamate chi dal ciel risponde,
benche 'l mortal sia in loco oscuro et basso.
Ditele ch'i' son gia di viver lasso,
del navigar per queste horribili onde;
ma ricogliendo le sue sparte fronde,
dietro le vo pur cosi passo passo,
sol di lei ragionando viva et morta,
anzi pur viva, et or fatta immortale,
a cio che 'l mondo la conosca et ame.
Piacciale al mio passar esser accorta,
ch'e presso omai; siami a l'incontro, et quale
ella e nel cielo a se mi tiri et chiame.

334
S'onesto amor po meritar mercede,
et se Pieta anchor po quant'ella suole,
mercede avro, che piu chiara che 'l sole
a madonna et al mondo e la mia fede.
Gia di me paventosa, or sa(nol crede)
che quello stesso ch'or per me si vole,
sempre si volse; et s'ella udia parole
o vedea 'l volto, or l'animo e 'l cor vede.
Ond'i' spero che 'nfin al ciel si doglia
di miei tanti sospiri, et cosi mostra,
tornando a me si piena di pietate;
et spero ch'al por giu di questa spoglia
venga per me con quella gente nostra,
vera amica di Cristo et d'Onestate.

335
Vidi fra mille donne una gia tale,
ch'amorosa paura il cor m'assalse,
mirandola in imagini non false
a li spirti celesti in vista eguale.
Niente in lei terreno era o mortale,
si come a cui del ciel, non d'altro, calse.
L'alma ch'arse per lei si spesso et alse,
vaga d'ir seco, aperse ambedue l'ale.
Ma tropp'era alta al mio peso terrestre,
et poco poi n'usci in tutto di vista:
di che pensando anchor m'aghiaccio et torpo.
O belle et alte et lucide fenestre,
onde colei che molta gente attrista
trovo la via d'entrare in si bel corpo!

336
Tornami a la mente, anzi v'e dentro, quella
ch'indi per Lethe esser non po sbandita,
qual io la vidi in su l'eta fiorita,
tutta accesa de' raggi di sua stella.
Si nel mio primo occorso honesta et bella
veggiola, in se raccolta, et si romita,
ch'i' grido: " Ell'e ben dessa; anchor e in vita ",
e 'n don le cheggio sua dolce favella.
Talor risponde, et talor non fa motto.
I' come huom ch'erra, et poi piu dritto estima,
dico a la mente mia: " Tu se' 'ngannata.
Sai che 'n mille trecento quarantotto,
il di sesto d'aprile, in l'ora prima,
del corpo uscio quell'anima beata. "

337
Quel, che d'odore et di color vincea
l'odorifero et lucido oriente,
frutti fiori herbe et frondi (onde 'l ponente
d'ogni rara eccellentia il pregio avea),
dolce mio lauro, ove habitar solea
ogni bellezza, ogni vertute ardente,
vedeva a la sua ombra honestamente
il mio signor sedersi et la mia dea.
Ancor io il nido di penseri electi
posi in quell'alma pianta; e 'n foco e 'n gielo
tremando, ardendo, assai felice fui.
Pieno era il mondo de' suoi honor' perfecti,
allor che Dio per adornarne il cielo
la si ritolse: et cosa era da lui.

338
Lasciato ai, Morte, senza sole il mondo
oscuro et freddo, Amor cieco et inerme,
Leggiadria ignuda, le bellezze inferme,
me sconsolato et a me grave pondo,
Cortesia in bando et Honestate in fondo.
Dogliom'io sol, ne sol o da dolerme,
che svelt'ai di vertute il chiaro germe:
spento il primo valor, qual fia il secondo?
Pianger l'aer et la terra e 'l mar devrebbe
l'uman legnaggio, che senz'ella e quasi
senza fior' prato, o senza gemma anello.
Non la conobbe il mondo mentre l'ebbe:
conobbil'io, ch'a pianger qui rimasi,
e 'l ciel, che del mio pianto or si fa bello.

339
Conobbi, quanto il ciel li occhi m'aperse,
quanto studio et Amor m'alzaron l'ali,
cose nove et leggiadre, ma mortali,
che 'n un soggetto ogni stella cosperse:
l'altre tante si strane et si diverse
forme altere, celesti et immortali,
perche non furo a l'intellecto eguali,
la mia debil vista non sofferse.
Onde quant'io di lei parlai ne scrissi,
ch'or per lodi anzi a Dio preghi mi rende,
fu breve stilla d'infiniti abissi:
che stilo oltra l'ingegno non si stende;
et per aver uom li occhi nel sol fissi,
tanto si vede men quanto più splende.

340
Dolce mio caro et precioso pegno,
che natura mi tolse, e 'l Ciel mi guarda,
deh come e tua pieta ver' me si tarda,
o usato di mia vita sostegno?
Gia suo' tu far il mio sonno almen degno
de la tua vista, et or sostien' ch'i' arda
senz'alcun refrigerio: et chi 'l retarda?
Pur lassu non alberga ira ne sdegno:
onde qua giuso un ben pietoso core
talor si pasce delli altrui tormenti,
si ch'elli e vinto nel suo regno Amore.
Tu che dentro mi vedi, e 'l mio mal senti,
et sola puoi finir tanto dolore,
con la tua ombra acqueta i miei lamenti.

341
Deh qual pieta, qual angel fu si presto
a portar sopra 'l cielo il mio cordoglio?
Ch'anchor sento tornar pur come soglio
madonna in quel suo atto dolce honesto
ad acquetare il cor misero et mesto,
piena si d'umilta, vota d'orgoglio,
e 'nsomma tal ch'a morte i' mi ritoglio,
et vivo, e 'l viver piu non m'e molesto.
Beata s'e, che po beare altrui
co la sua vista, over co le parole,
intellecte da noi soli ambedui:
" Fedel mio caro, assai di te mi dole,
ma pur per nostro ben dura ti fui, "
dice, et cos'altre d'arrestare il sole.

342
Del cibo onde 'l signor mio sempre abonda,
lagrime et doglia, il cor lasso nudrisco,
et spesso tremo et spesso impallidisco,
pensando a la sua piaga aspra et profonda.
Ma chi ne prima simil ne seconda
ebbe al suo tempo, al lecto in ch'io languisco
vien tal ch'a pena a rimirar l'ardisco,
et pietosa s'asside in su la sponda.
Con quella man che tanto desiai,
m'asciuga gli occhi, et col suo dir m'apporta
dolcezza ch'uom mortal non senti mai.
" Che val " dice " a saver, chi si sconforta?
Non pianger piu: non m'ai tu pianto assai?
Ch'or fostu vivo, com'io non son morta! "

343
Ripensando a quel, ch'oggi il cielo honora,
soave sguardo, al chinar l'aurea testa,
al volto, a quella angelica modesta
voce che m'adolciva, et or m'accora,
gran meraviglia o com'io viva anchora:
ne vivrei gia, se chi tra bella e honesta,
qual fu piu, lascio in dubbio, non si presta
fusse al mio scampo, la verso l'aurora.
O che dolci accoglienze, et caste, et pie;
et come intentamente ascolta et nota
la lunga historia de le pene mie!
Poi che 'l di chiaro par che la percota,
tornasi al ciel, che sa tutte le vie,
humida gli occhi et l'una et l'altra gota.

344
Fu forse un tempo dolce cosa amore,
non perch'i'sappia il quando: or e si amara,
che nulla piu; ben sa 'l ver chi l'impara
com'o fatt'io con mio grave dolore.
Quella che fu del secol nostro honore,
or e del ciel che tutto orna et rischiara,
fe' mia requie a' suoi giorni et breve et rara:
or m'a d'ogni riposo tratto fore.
Ogni mio ben crudel Morte m'a tolto:
ne gran prosperita il mio stato adverso
po consolar di quel bel spirto sciolto.
Piansi et cantai: non so piu mutar verso;
ma di et notte il duol ne l'alma accolto
per la lingua et per li occhi sfogo et verso.

Potrebbero interessarti