Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Favola di Lev Tolstoj
I due fratelli

Due fratelli avevano un podere in comune.
Uno di essi era sposato e aveva molti bambini; l'altro viveva solo.
Venuto il tempo della mietitura, i due. fratelli legarono i covoni, ne fecero due mucchi uguali e li lasciarono nel campo.
Durante la notte, il fratello che viveva solo ebbe una buona idea.
Egli disse tra sé:
«Mio fratello ha moglie e bambini da nutrire;  non è giusto che la mia parte sia uguale alla ! sua ».
Subito andò nel campo, prese dei covoni dal suo mucchio e  aggiunse a quello del fratello.
Nella stessa notte, anche l'altro fratello si svegliò e disse, rivolto alla moglie: -
Mio fratello è giovane e vive solo; non ha nessuno che lo aiuti.
Non è giusto che noi prendiamo dal campo una quantità di frumento uguale.
Si alzò e aggiunse anche lui dei covoni al mucchio del fratello.
Il giorno dopo, ciascuno dei due fratelli si reca nel campo, ed entrambi furono molto sorpresi  di vedere che I due mucchi erano ancora uguali.
Né l'uno né l'altro sapevano rendersi conto di questo fatto.
Per alcune notti di seguito fecero la stessa cosa, ma siccome ciascuno di essi aggiungeva al mucchio dell'altro lo stesso numero di covoni, i due mucchi rimanevano sempre uguali.
Una notte, finalmente, i due fratelli, essendo andati per caso nel campo alla stessa ora, poterono scoprire il mistero: si incontrarono mentre ciascuno portava i covoni che con affetto regalava all'altro.

Leggi le Favole di Lev Tolstoj

Commenti

Potrebbero interessarti