09022014Mar
Last updateMar, 02 Set 2014 8am

Poesie d'inverno di Gianni Rodari - Il gatto Inverno

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

pupazzo di neve

 Poesia Inverno
di Gianni Rodari

Il gatto inverno
Ai vetri della scuola stamattina
l'inverno strofina
la sua schiena nuvolosa
come un vecchio gatto grigio:
con la nebbia fa i giochi di prestigio,
le case fa sparire
e ricomparire;
con le zampe imbianca il suolo
e per coda ha un ghiacciolo
Sì, signora maestra,
mi sono un po' distratto
ma per forza, con quel gatto,
con l'inverno alla finestra
che mi ruba i pensieri
e se li porta in slitta
per allegri sentieri.
Invano io li richiamo:
si saranno impigliati in qualche ramo
spoglio ;
e per dolce imbrogliochiotti, chiotti,
fingon d'esser merli e passerotti.

 

Il fascino della natura, in qualunque stagione, attira i fanciulli e li distrae anche dal pensiero della scuola.
Essi, come il ragazzo che parla in questa facile poesia, finngono nella loro fantasla lepiù strane immaginl e danno corpo ai concetti astratti.
L'inverno è qui divenuto un gatto bonaccione che si strofina alla finestra, si diverte con la nebbia e porta con sé i pensieri del fanciullo.
E così al richiamo della maestra, il ragazzo svela il motivo della sua distrazione dietro il filo della fantasticheria, come spesso avviene a tanti altri scolari.