07282015Mar
Last updateLun, 27 Lug 2015 9am

Poesia di Eugenio Montale - Sulla spiaggia

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Eugenio Montale
Sulla spiaggia 

Ora il chiarore si fa più diffuso.
Ancora chiusi gli ultimi ombrelloni.
Poi appare qualcuno che trascina
il suo gommone.
La venditrice d'erbe viene e affonda
sulla rena la sua mole, un groviglio
di vene varicose. È un monolito
diroccato dai picchi di Lunigiana.
Quando mi parla resto senza fiato,
le sue parole sono la Verità.
Ma tra poco sarà qui il cafarnao
delle carni, dei gesti e delle barbe.
Tutti i lemuri umani avranno al collo
croci e catene. Quanta religione.
E c'è chi s'era illuso di ripetere
l'exploit di Crusoe!
da Diario del '71 e del '72
Una spiaggia in settembre, di prima mattina:una massiccia fruttivendola venuta 
dalla Lunigiana, e il poeta che cerca la solitudine più completa, quasi per rivivere l'impresa (l'exploit) di Robinson Crusoe. 
Ma ben presto sopraggiunge un gruppo di giovani hippies, che Montale - sfumata ormai la possibilità di imitare Crusoe - giudica abbastanza severamente e forse con un tantino di cattiveria. La poesia ha la data del 30 settembre 1972.


Leggi le più belle Poesie di Eugenio Montale





Login

             

Poesie.reportonline.it

utilizza i cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Sezioni