Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

arlecchino_pulcinella

Recita per Carnevale
La mattina degli scherzi

PULCINELLA: --Voglio farmi una dormitina su quel divano. Sono stanco. Ah, come si sta bene qui!

ARLECCHINO: -- Pulcinella, vuoi venire con me a vedere la pianta di ciliegio che fioriscie?

PULCINELLA: -- Dici davvero? Ma non siamo in primavera!

ARLECCHINO: -- Mi caschi il naso se non dico la verità.

PULCINELLA: -- Ripetimi bene quello che hai detto.

ARLECCHINO: -- Guarda, te lo scrivo su un foglio a caratteri di stampa: UN CILIEGIO FIORISCIE.

PULCINELLA: --Va bene, vengo.
(Dopo aver camminato abbastanza a lungo, Arlecchino e Pulcinella si trovano in un prato dove c'è una bella pianta di ciliegio. Ma di fiori... neanche l'ombra!)

PULCINELLA: -- lo non vedo neppure un fiore. 

ARLECCHINO: - lo credo bene! lo ho detto che il, ciliegio fioriscie, e non che fiorisce. Dunque, io ho ragione e tu sei un bel somarone! Dovresti tornare un po' a scuola per imparare l'ortografia.
Anche un bambino di seconda elementare si sarebbe accorto che quella era un imbroglio!