Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

bambini
Racconto per bambini

Pippo ciclista ignorante

Pippo abita in un paesetto di campagna e, da tanto tempo, desidera di andare un po' per conto suo a vedere la città.
Finalmente lo zio gli affida la sua bicicletta nuova.
Stai attento, mi raccomando!
Perbacco, zio! Ciclisti bravi come me ce ne sono pochi. 
E parte fischiettando. In una tasca il borsellino, che il babbo gli ha generosamente rifornito, fa un gonfio piacevole.
Pippo prende la strada maestra e fila, con una mano appoggiata al manubrio e l'altra in tasca; poi abbandona addirittura il manubrio.
Che diamine! È sicuro lui e sulla bicicletta potrebbe fare gli esercizi acrobatici.
Ma perché quel paracarro gli viene incontro? Pum! che botta!
Si rialza impolverato brontolando:
Vorrei sapere che cosa ce li mettono a fare questi stupidi ostacoli lungo le strade!
La bicicletta ha soltanto il manubrio storto: c'è vicino la bottega di un meccanico, la riparazione è presto fatta e duecento lire prendono il volo dal borsellino.
Ma ecco il nostro ciclista alle prime case della città. Pippo non ha mai visto tanto movimento. Ignorante com'è delle norme che
re
golano il traffico, si tiene nel mezzo della strada.
Dietro a lui sopraggiunge un'automobile. Per darle il posto egli piega a sinistra e si trova di faccia un'altra automobile, proveniente
dalla direzione opposta. L'autista riesce, per vero miracolo, ad evitare d'investirlo, ma gli grida
Tieni la tua destra, asino!
E Pippo va a destra.
Passa un autocarro, lui ci si aggrappa, ma quando il veicolo si ferma di colpo si sente sfuggire la bicicletta e ruzzola in terra.
Si rialza stordito. Rosso di vergogna rimonta in bicicletta, mentre un passante gli urla dietro:
Ti sta bene!
Ora davanti a Pippo c'è un tranvai che rallenta e si ferma. Allora il ragazzo, scampanellando forte, s'insinua tra i passeggeri che
salgono, raggiunge quelli che stanno per scendere. Si alza un coro di proteste.
Sono tutti matti! - pensa. Ma un vigile lo raggiunge.
Non vedi, monello, che il tranvai è fermo?
Altroché! Ma se è fermo lui perché devo fermarmi anch'io?
Stai a casa se ignori le norme della circolazione! - E gli fa pagare la multa.

Leggi i Racconti per Bambini