Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

mamma
Racconto di Scipio Slataper

Mia madre

Mamma è malata. lo sto sdraiato accanto a lei sul margine del letto, accarezzandole la fronte e le mani. Cosi passiamo qualche ora.
Ogni tanto ella mi guarda e mi domanda:
- Credi che guarirò?
lo la sgrido come una bimba e le racconto di quando sarà guarita.
lo vorrei difenderla contro il male e tenerla allegra. Mamma è buona. Ha sofferto assai nella vita, piangendo in silenzio, e cercando di giustificare chi la maltrattava. Non disse mai una parola d'odio, si rinchiuse in sé con i suoi figli, come una povera creatura battuta. lo voglio che la nostra mamma possa godere di noi più bravi degli altri.
Quando sarai guarita verrai un mese con me a Firenze, vuoi? C'è l le colline e gli ulivi, e staremo in pace. Ora san passati tre mesi, poi ancora uno, e dopo facciamo una gran festa.
lo butto il cappello in aria: mamma è guarita. Vuoi?
Ella tace rabbrividendo di gioia. E io le parlo e le racconto tante cose buone, ma sono stanco di questa triste camera oscura, con poca aria, con l'orologio che batte il suo tempo. Vorrei rifugiarmi al mio tavolino e lavorare, scrivere un'allegra poesia, uscire in campagna ed essere solo con il sole e l'aria. lo avrei bisogno di prosperità e contentezza. Sono quasi irritato contro il Suo male, contro l'oscurità che è calata da tanti anni nella nostra casa. .
Si vive. paurosi di svegliare  negli altri certe cose che sono sempre presenti dentro di noi; si vive a bassa voce, guardandoci di sfuggita in viso dopo una risata. Molti giorni si imbocca la minestra e la carne senza dir parola, sforzando ci a interessarci dei piccoli che raccontano della scuola. Si vive così da molti anni.
E la mamma guarda i nostri occhi che s'abbassano come in colpa, e non può far niente per i suoi figliuoli. Ella ci bacia il capo e ci chiede scusa in silenzio.
Un giorno metteva ad asciugare alcuni panni alla stufa e piangeva. lo le chiesi:
Mamma, cos'hai? - Le chiesi ancora: essa piangeva e negava, cercava di trattenere lo spasimo, ed era stanca. - Che hai mamma? perché piangi?
Vedi figliolo, non è niente, gli affari di babbo vanno male.
E un giorno babbo tornò da un viaggio, che era stato anch'esso inutile, e non c'era da fare più nulla.
Noi tacevamo. Egli prese la forchetta e ingollò i bocconi. Ci disse:
Mangiate dunque! - La sua voce era senza tremito.
Mai ho visto piangere babbo. Gli occhi gli si incassano nelle tempie, la sua fronte si fa gonfia, ed egli sta fermo con la testa dritta in su. Egli è un uomo, non si lamenta e s'irrigidisce. Babbo m'ha. insegnato a tacere e a disprezzare il dolore.
E cosi passarono i mesi e gli anni. E io cominciai ad amare la mia famiglia. e ero consolato ch' essa credesse  in me. E mamma una sera mi disse, poggiandosi sul mio petto: 
Figliolo, sono stanca, vai avanti tu ... 
lo amo i miei fratelli e i miei genitori perché la nostra vita è stata dolorosa e confidente. lo vado avanti con essi e non cedo.
Noi vogliamo anche noi il nostro posto. Ci hanno fatto molto male. Alcuni sono stati buoni con noi, ma non ci hanno capiti.
Noi vogliamo essere noi, con i nostri difetti e le nostre virtù, liberi di respirar l'aria che ci spetta. lo sono contento di aver avuto una famiglia povera. Sono cresciuto con un dovere e uno scopo. Essi mi vogliono bene, e il mio nome è il loro.
L'orologio batte egualmente il suo tempo e la camera è stretta e scura. Che sarà di noi se mamma non guarisce? La sua fronte è sudata, e il suo pallido viso è pieno di amarezza.
Da Il mio Corso.

L'Autore è presso il capezzale della mamma malata. La santa donna ha molto lottato e molto ha sofferto, ed ora, stanca, sente il bisogno che altri prenda fiducioso il suo posto e proceda. Povera mamma! E povero babbo! ché lui pure ha tanto lottato e tanto sofferto. L'Autore si duole di questa triste condizione di cose e tuttavia è orgoglioso di essere uscito da una famiglia povera, ché l'umiltà della sua origine gli ha additato uno scopo e gli ha imposto un dovere.

Leggi i Racconti Festa della Mamma

Ti possono interessare Le Poesie Festa della mamma

Ti possono interessare le Frasi sulla Festa della mamma

Commenti

Potrebbero interessarti