Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Racconto di Carlo Pastorino
La madre

E' ancora la madre di un soldato che ci viene presentata, dallo scrittore ligure, in questa novella che trasfigura la realtà in sogno.
Non è forse la protezione della madre, non sono le sue preghiere, che salvano il giovane, allontanandolo dal pericolo tremendo?

Carlo Pastorino, genovese.  La bella pagina è tolta dal libro: La prova del fuoco, che richiama la prima guerra mondiale.
Scendevo un chiaro mattino di sole dal Corno ad Anghebeni . Ero solo e non ricordo quale fosse la causa della discesa.
A Iato della mulattiera, in un tratto solitamente battuto, c'era un soldato che dormiva: il sole gli illuminava la faccia, la quale, tonda, imberbe, di fanciullone bello, aveva neI.. sonno calmo sorriso di estasi.
lo mi arrestai, colpito, a guardare. Era un soldato del genio. Guardandolo, io sentivo che avrei dovuto svegliarlo; chè era l'ora nella quale generalmente le artiglierie cominciavano a battere. E stetti così, fra il sì e il no, qualche poco; e il no vinse, mi mossi e andai oltre.
Ma non feci cento passi, e nella lucentezza dell'aria i miei occhi videro formarsi, nitida e dolce, un'immagine di donna:. era la madre del fanciullo addormentato. Bella come lui, giovane ancora, quasi quanto lui; e mi passò accanto sfiorandomi, e salì lieve lieve con passo simile a volo,
e s'appressò al figliolo; e qui gli si curvò sopra e muoveva le labbra come per destarlo, ma egli non si destava.
Allora gli occhi della dolce donna si volsero verso di me e pieni di muta implorazione chiedevano aiuto. Poi essa sparve.
lo mi passai una mano sulla fronte. «Che è mai?» dissi. Guardai nella lucentezza dell'aria: nulla v' era più.
« E' stata dunque un'allucinazione», pensai. Ma non potei proseguire e tornai sui miei passi.
Il soldato dormiva sempre ed io, col cuore che mi batteva, commosso, mi curvai su di lui nel modo stesso che s'era curvata la madre, e: - Alzati - dissi - c'è pericolo qui
Egli si alzò. - Grazie, - rispose; e, muovendosi per mettersi al riparo dietro una rupe, aggiunse: - Siamo arrivati stanotte... lo non sapevo...
La sera, risalendo, passavo di lì, e rividi il soldato il quale mi venne incontro agitando le braccia. - Grazie mille volte - esclamò -, a lei debbo la vita. Vede? proprio nello stesso posto... - E mi indicava una buca.
- OhI
- Se vi fossi rimasto tre minuti di più...
E sorrise giocondo: e nella giocondità di quel sorriso io vidi nuovamente sua madre; la madre che mi rendeva grazIe.

Commenti

Potrebbero interessarti