Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Festa della mamma
Cosa è una mamma

È giusto fare una domanda per chiarire un equivoco: cos'è una mamma.
La parola mamma è secondo alcuni un frahcesismo (da mamàn) ma certamente è un vezzo non più dei bambini, ma la voce ormai comune con cui tutti i figli chiamano la madre. "Madre" è il nome più elevato più nobile a indicare la maternità. E' il nome esatto legalmente, artisticamente ed elegantemente, ma privo spesso di sentimento.
Ma qui distinguiamo tra sola "genitrice" e "madre".
La prima può dare solo la vita fisica e non volerne saper più nulla della sua creatura,
La vera "madre" è colei che con la vita fisica ti dà tutto il suo amore, per insegnarti a vivere.
Ecco: è l'amore, più del sangue, che fa "madre".
Purtroppo oggi che molti bambini nascono in provetta, bisogna dire che sono in diminuzione anche le vere "madri".
Basta vivere coi ragazzi per accorgersi subito che oggi vi è una diffusa esigenza di maternità: troppi genitori si accontentano solo di "generare".
Generare, infatti è un atto che si chiude nel giro di breve tempo; essere madre invece è dovere che dura per tutta una vita.
È vero che la maternità può comportare tanti sacrifici, mille rinunce, costi e fatiche. Però non è anche una straordinaria esperienza negata per sempre all'uomo? Non è anche una gioia e una ricchezza guardare negli occhi i figli che si aiutano a crescere?
La mamma che sa interpretare ogni pianto o riso, ogni richiestainarticolata del figlio impara una lingua di straordinaria efficacia che la renderà sensibile a tante richieste altrui. Quante donne sono uscite, dall' esperienza della maternità, guarite da tanti egoismi infantili o adolescenziali e, in sostanza, capaci di identificarsi con gli altri? .
E, questo, il primo gradino una socla Ita posItIva,  uno stare insieme rispettando le esigenze altrui, sapendole interpretare positivamente per costruire qualcosa di buono con gli altri. . È, anche, un'esperienza che manca sempre all'uomo, che rimane "figlio", cioè "quello che è da ascoltare, che chiede aiuto e non ne dà".
P.M.

Commenti

Potrebbero interessarti