10192017Gio
Last updateMer, 18 Ott 2017 7pm

Racconti Inverno

Racconto inverno - La casa eterna


Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

panoramamottavisconti
Racconto inverno

La casa eterna


C'era una volta un ricco signore. Possedeva palazzi, ville, borgate, case e casolari e poderi, tanti poderi da non saper nemmeno lui quanti. Abitava in un sontuoso e turrito castello.
Una sera, d'Inverno, bussarono alla porta. I servi accorsero, aprirono e si trovarono di fronte ad un povero pellegrino che chiedeva di essere ospitato nel castello: la notte, infatti, avanzava fredda e tempestosa.
I servi stavano per scacciarlo in malo modo, quando sopraggiunse il loro signore e ordinò invece che lo si lasciasse entrare.
Seduti vicino al caminetto ove ardeva, scoppiettando, un grosso ciocco, conversarono a lungo. Ad un tratto il pellegrino domandò:
Di chi è questo castello?
Mio - rispose con fierezza il ricco signore.
A chi apparteneva prima?
.A mio padre.
 E prima ancora?
A mio nonno.
 E prima ancora?
Ai miei avi.
Il  pellegrino cercò con lo sguardo qua e là ed aggiunse:
Dimmi, dove sono queste persone?
Il signore rimase perplesso e tacque.
Vedi?  -riprese il pellegrino. - Anche loro, come te, non sono stati che degli ospiti di questo castello, eppure quanto denaro vi hanno profuso! Basta guardarsi intorno per valutarIo. E dimmi ancora, essi avranno pensato alla dimora eterna? E tu ci pensi? .
Il signore tacque assorto in profondi pensieri e il pellegrino continuò:
Quanta gente c'è ancora senza tetto nel mondo, senza fuoco e senza pace. Troppa, credimi, troppa! Tu possiedi tesori e il tuo castello n'è
ricolmo. Che cosa aspetti a farne parte a chi non ha nulla? Il castello è come un albergo ove la gente va e viene. C'è per oggi e non per domani, ma la casa dei cieli? Oh, quella ti appartiene per l'eternità! Come la potrai costruire? È facile: ogni moneta che toglierai dai tuoi tesori per donar la ai poveri, sarà il prezzo di un mattone necessario alila costruzione della tua casa eterna.. .
Il pellegrino fece per alzarsi, ma il signore, pronto, esclamò:
Ti prego, rimani. Aiutami a costruire la mia dimora, quella lassù, nei cieli...


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info