09232017Sab
Last updateVen, 22 Set 2017 12pm

Racconti Inverno

Racconti Inverno di Guy de Maupassant - Un terribile inverno


Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

L'inverno non assume in tutte le regioni il medesimo volto.
Ed anche nella stessa regione può presentarsi diverso nelle varie annate.
La geografia e la meteorologia ci forniscono chiare spiegazioni di questo fatto, ma noi amiamo pensare, piu poeticamente, che le stagioni siano come le creature vive, delle quali infinite e misteriose circostanze concorrono a mutare l'aspetto ed il comportamento. Dobbiamo tuttavia constatare che ciascuna stagione conserva però caratteristiche costanti che ne delineano l'individualità, caratteristiche tanto piu evidenti quando assumono forme piu intense.
Come avviene appunto nel racconto nel quale l'inverno descritto si presenta in tutto il suo rigore, nel corso di un anno eccezionale.


Racconto sull'inverno
di Guy de Maupassant

Un terribile inverno

Quell'anno, l'inverno fu terribile. Sin dalla fine di novembre, dopo una settimana di brinate, aveva preso a nevicare. In una notte, la pianura rimase sepolta.
Le masserie isolate, nelle loro corti quadrate, dietro le file dei grandi alberi brinati, sembravano addormentarsi sotto il cumulo di quel muschio bianco e leggero.
Nessun rumore per la campagna immobile: soltanto i corvi, a stormi, descrivevano lunghe strisce nel cielo, cercando inutilmente di che mangiare, piombando tutti insieme sui campi e bezzicando.
Nient'altro si udiva che il fruscio vago e continuo di quel pulviscolo che sempre cadeva.
Per otto giorni interi continuò a nevicare, poi smise.
E, per tre settimane, il cielo fu terso come un cristallo azzurro di giorno, e di notte tutto cosparso di stelle, che parevano cristalli di brina, tanto il vasto spazio si stendeva sullo specchio duro, unito e lucente della neve.
Il piano, le siepi, gli olmi ai margini dei campi, tutto sembrava morto, ucciso dal freddo.
Né uomini, né bestie  uscivano più  solo i camini. delle capanne, incappucciati dI bianco, rivelavano la vita nascosta coi sottili pennacchi di fumo che salivano diritti nell'aria gelida.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info