Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 
monterosa
Leggenda valdostana
La leggenda della neve rossa
di M. Tibaldi Chiesa

Se andrete un giorno sul Monte Rosa, il vostro sguardo rimarrà abbagliato dall'immensa distesa candida e scintillante del ghiacciaio.
La leggenda racconta che, nel tempo dei tempi, a quelle altitudini eccelse, il clima, era molto più mite e là dove ora si estendono i gelidi ghiacciai erano verdi praterie e folte foreste d'abeti. E in mezzo vi sorgeva una città prospera e popolosa.
Purtroppo, però, i denari accumulati a poco a poco avevano reso cattivi, avari, gli abitanti di questa città, i quali vivevano nel loro egoismo senza alcun timore di Dio. Ma Dio, che tutto vede, e tutto sa, non tardò a punirli. Una sera d'ottobre giunse in questa città un vecchio viandante. Appariva esausto per la fatica e la fame. Ma invano egli bussò a una porta dopo l'altra, chiedendo cibo e ricovero, per pietà: tutti lo respinsero con male parole. Allora, a un tratto, il vecchio si drizzò minaccioso e apparve gigantesco e terribile, eretto sull'alta persona. Protese il braccio e gridò: Stanotte nevicherà, domani nevicherà, per giorni e giorni nevicherà: la città maledetta perirà.
Gli abitanti, chiusi nelle loro case, udirono quella voce rimbombare nella tenebra e furono scossi da un: brivido., ma poi alzarono le spalle e cercarono di dimenticare il funesto presagio bevendo, tra risa di scherno. Intanto il vecchio era scomparso. Ed era cominciato a nevicare. Ma non neve bianca, bensì neve rossa, d'un cupo vermiglio, come il sangue.
Essa cadde tutta la notte e tutto il giorno seguente, e per molti molti giorni ancora, fitta inesorabile. Nessuno osava uscire dalle case e la neve saliva saliva saliva, sommergendo le dimore e gli uomini, i campi e i boschi, implacabilmente, come implacabili erano stati quei malvagi verso il vecchio viandante.
Quando la rossa nevicata cessò, della città non v'era più traccia: al suo posto, da allora si estende un immenso ghiacciaio.
E talvolta, al tramonto, sul ghiaccio, si scorgono ancora sinistri bagliori, come di sangue...

Commenti

Potrebbero interessarti