Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Racconto di Giovanni Papini 
Sera di nebbia

Non è ancor giunta la sera, ma è quasi buio.
Tutto il cielo è occupato da cumuli di nebbie grige posate .in cima ai monti, da cavalloni di nuvole nere ed immote.
Bigio e nero dappertutto. Nella valle un gran silenzio sinistro: s'ode soltanto lo
sfruscio del fosso in piena e quello delle foglie gocciolanti che sbattono insieme e fanno
un rapido sussurro marino.
Giù per le strade in discesa scorre l'acqua motosa in solchi gialli.
Poi la nebbia dei fondi, a strati compatti, vien su dalla valle, varca i crinali dei poggi, si rompe, si riaffittisce, ricopre tutto e finalmente si sfalda o fugge, lasciando brandelli fumosi attorno agli alberi fradici.