Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

racconti estateRacconto di Bernasconi
Lo spaventapasseri

Appena le  ciliege cominciano ad arrossire, ecco che arrivano a squadre i passerotti e, zac ...zac ... mi spogliarono l'albero brontolò nonno Bortolo.
Allora, con pali, paglia e. stracci preparo uno spaventapassen.
Che uomo buffo! Chi sarà? - mormoravano i passeri il mattino dopo, e non osavano avvicinarsi all'albero delle ciliegie.
Si posarono sulle viti, lì intorno, in attesa.
L'uomo buffo rimaneva impalato; solo quando il vento soffiava, i brandelli di stracci, appesi alle sue braccia, si agitavano come ali.
lo lo so chi è - disse un vecchio ! passero. -
Ne ho già visti parecchi gli anni scorsi e a me non fanno paura.
State a vedere.
Spiccò il volo e si posò sul cappellaccio del buffo ometto.
Avete visto? - cinguettò giulivo.
Avanti, compagni, le ciliegie ci aspettano!

Commenti

Potrebbero interessarti