Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

girasoli racconti estate
La leggenda del girasole
Di Lina Tridenti


C'era una volta uno splendido giardino. Vi sbocciavano  fiori meravigliosi d'ogni colore e ricchi di profumo. 
Tutte le persone che lo vedevano restavano ammirate e si fermavano a complimentare ogni varietà per il colore, per la forma, per il profumo. I fiori, lusingati da tanta
ammirazione, divennero alteri e superbi.
Avvenne che un giorno, tra gli splendidi steli, si affacciasse uno strano fiore. Aveva uno stelo debole e sottile con una corolla troppo grande e pesante, come un disco
di bronzo.
Al suo primo apparire, i fiori vicini cominciarono a schernirlo.
Com'è brutto! Senza armonia, senza corolla di petali.
Perchè sei cresciuto qui? Non potevi nascere altrove?
Il povero fiore dIvenne in poco tempo lo zImbello del giardino. Da ogni aiuola gli arrivavano offese ed esso, senza rispondere, cresceva umilmente, tenendo la corolla
rivolta a terra.
Ma il sole, che da tempo osservava quanto avveniva nel giardino, rideva sotto i raggi, e pensava:
Vedrete, vedrete voi, piccoli smorfiosi!
Rivolse i suoi raggi piccoli sul fiore, lo fece crescere alto alto su tuttI e poi glI dIsse: 
Tu mi hai amato in silenzio e in umiltà. Alza ora la tua corolla e guardami. Ti donerò un raggio. 
Il  fiore alzò timidamente il capo e intorno al disco di semi, fiorì una corona di petali, gialli come l'oro.
Tutto il grande fiore rise di felicità e guardò riconoscente il sole. 
Non ho finito! - esclamò il grande astro. - Porterai il mio nome e gli uomini avranno bi.sogno dei tuoi petali per tingere le loro stoffe. I tuoi semI daranno l'olio
e saranno dolce cibo agli uccelli.

Racconti estate, racconti sull'estate, racconto estate, racconto sul girasole.

Commenti

Potrebbero interessarti