Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Pin It

racconti di bambini


Racconto divertente
Una cartella di sogni
di Lucia Tumiati
Era un bambino piccino

Era un bimbetto piccino così. Lo chiamavano Pippo e non cresceva assolutamente, non cresceva mai.
I sei anni li aveva già compiuti e aveva dovuto cominciare ad andare a scuola.
Nei grandi magazzini la mamma non era riuscita a trovargli un grembiulino nero che gli stesse bene.
Troppo larghi, troppo lunghi, troppo scollati. Così l'aveva mandato in classe senza grembiule.
E lui se ne stava zitto, accanto alla cattedra con le spalle appesantite dalla cartella a zaino.
Pesava così tanto! Era rossa, un po' logora, con il nome attaccato di fianco, la chiavina ciondoloni.
Ma era vuota, - con un lapis nero e un foglietto bianco.
Eppure pesava moltissimo, perché Pippo si era portato tutte le sue idee e i suoi sogni, e a fatica era riuscito a chiuderla.
Adesso era lì in classe, e nessuno si curava di lui.
Anzi, non che non se ne curassero, non lo vedevano, ecco.
E lui zitto, avvilito; avrebbe pagato chissà che cosa per saper scrivere su un grande cartellone:
Cari amici, ci sono anch'io!

Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti