Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ascoltiamo la paura!
di C. Mauri


A molti piace seguire lo sport, a chi piace lo sci, chi è appassionato di ciclismo
Chi segue il basket, sport inventato più di un secolo fa. Anche il nuoto è uno sport molto seguito


Ascoltiamo le parole di un grande alpinista

Per andare in montagna, non occorre patente: la montagna è libera a tutti, nessuna autorità legale regola il traffico alpino.
L'andar per monti è affidato albuon senso di ciascuno, al suo allenamento, alla sua preparazione, alla conoscenza di alcune forme fondamentali, senza di che la vita è in pericolo.
Ma non tutti sembrano preoccuparsene: le statistiche delle disgrazie parlano chiaro.
Quante volte ho sentito giovani cittadini gloriarsi, eccitati ed entusiasti, per averla scampata brutta, per essere «volati». Se il «volo» capitasse a un giovane della valle o cresciuto dove la tradizione mon- tanara l'ha educato, non ne farebbe parola. Perché sa di aver commesso un grave errore e non una eccezionale bravata.
Molta gente crede che i cosiddetti grandi alpinisti siano Supermen che non sentono né il freddo, né lunghi digiuni, né le vertigini, né la paura.
Non è vero. Prima di affrontare una qualsiasi scalata, anche la più facile, sono emozionato e sento paura.
Ascoltando la paura, dialogando con essa, sento più forte il richiamo alla prudenza e più vivo diviene il piacere di vincere.

Commenti

Potrebbero interessarti