Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 


Racconto di Roberto Piumini -

Il pittore e il bambino -


Il pittore Sakumat e il piccolo Madurer stettero molto insieme, giocando e parlando.
Che cosa dipingerai, Sakumat? - chiedeva Madurer.
Non lo so ancora, Madurer.
Ci ho pensato molto, ma la mia mente è rimasta vuota.
Però qualcosa dipingerai, vero?
Certo, Madurer.
Ma prima bisogna che decidiamo quali sono i nostri desideri.
Cosa ti piacerebbe vedere attorno a te? - chiedeva: Sakumat.
Che desiderio hanno i tuoi occhi?
Sono molti, e un po' confusi. Io ho guardato tante figure sui libri che mio padre mi ha donato. Possiedo quasi cento libri, e molti sono colorati, e non c'è una sola figura che io non abbia guardato attentamente più di dieci volte.
Ho visto cose incantevoli del mondo: il mare, le montagne, i grandi prati verdi e i laghi splendenti.
Ho guardato le figure di uomini vestiti in modo strano, gente di posti lontanissimi, e poi animali di ogni tipo.
Tutte queste immagini mi sembrano belle e desiderabili, Sakumat
 Non riesco a scegliere...
Forse non è necessario scegliere, piccolo amico, - disse il pittore, occorre solamente mettere ordine nelle immagini, e nei desideri.
Questa stanza ha pareti grandi, Madurer, se tu vuoi, io posso dipingere il mare, le montagne e i laghi... Ma bisogna che tu mi racconti le immagini che ti sono care.
Poi decideremo e io porterò nella tua stanza le luci e i colori del mondo che ami.

Commenti

Potrebbero interessarti