Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

folletto
Il folletto Bambilla
di Roberto Piumini

La strega Besana era una strega originale, buona il lunedì e cattiva il martedì, buona il mercoledì e cattiva il giovedì, buona il venerdì e cattiva il sabato. La domenica... non sapeva mai se essere buona o cattiva.
Un mercoledì, quando era buona, la strega chiamò suo nipote il folletto Bambilla, e gli disse:
Ciao, nipote, me ne vado. Ho voglia di cambiare aria. Ti lascio la mia casa, e guai a chi te la tocca. Tu fai quello che vuoi, però cerca di non far piangere i bambini, perché è una cosa cattiva.
Ma com' era il folletto Bambilla?
Poteva essere bianco o rosso, verde o blu, grande o piccino, femmina o maschio, visibile o invisibile e parlava, giocava, scherzava con tutti, perche era giocoso.
E c'è un'altra cosa da sapere. Bambilla mangiava i rumori: quelli buoni, come quello dell'erba e delle foglie al vento, lo scroscio della pioggia, la voce dei bambini, le loro risate. Non mangiava quelli cattivi: come il rumore delle moto rette , lo stridìo dei freni, le urla dei prepotenti, il fischio delle sirene...

Commenti

Potrebbero interessarti