Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

SacrafamigliaBrevi Racconti di Natale

campanelle

Breve racconto di Carola Prosperi
Dicembre

È l'ultimo mese dell'anno. La terra, ormai stanca, sembra addormentata. Ma, come una madre amorosa essa riscalda nel suo cuore i semi delle nuove piantine che nasceranno a primavera, custodisce il sonno degli animaletti che non trovano più nulla da mangiare. Neve e gelo. Le giornate sono brevissime e fredde, le notti lunghe. Le veglie si prolungano intorno' al fuoco o nelle stanze più riscaldate. Dicembre, ultimo mese dell'anno, ci porta la festa che ricorda la natività del Redentore.
Già la festa, ancora lontana, si sente nell'aria; tutti cominciano a sentirsi più buoni; tutti pensano ai doni da offrire, da ricevere.

campanelle


Racconto di A. Stoppani
Una giornata di dicembre

Era una di quelle giornate di dicembre, in cui si direbbe che si solennizzi il vero ingresso trionfale,
definitivo, dell'inverno, con un immenso parato di neve. Chi si era destato avanti giorno aveva sentito battere sordamente le ore dalla vicina torre, quasi la campana fosse coperta d'un panno, o il batacchio rivestito di ovatta.
Chi è solito aspettare il giorno fra le coltri, ne aveva visto la luce distendersi sulle pareti con insolita bianchezza. Chi aveva messo la faccia fuori, l'aveva ritirata esclamando: - Bah, che bella farinata! -Chi fosse salito in alto, avrebbe veduti i tetti, le strade, le mura, le campagne al di fuori, l'immenso piano, i colli, le Prealpi, le Alpi, se erano visibili, tutto d'un solo colore.
Quando mi affacciai alla finestra la neve veniva giù ancora a larghe falde.

 

campanelle

Racconto di A. Soffici
Mattinata di dicembre

Il tramontano di stanotte ha seccato la strada; le carreggiate son dure come il vetro e lustrano per un po' di brinata nell'ombra scura degli olivi.
Gli alberi nudi frastagliano il cielo coi loro rami e le loro vette che paiono d'oro.
Son vicino ad un orto di contadino pieno di piante di carciofi.
Oltre l'orto c'è una loggetta e, sotto, la massaia che leva il pane dal forno.
Arriva fino a me l'odore del pane misto a quello della terra. Dopo tant'acqua i campi esultano a sentirsi riscaldati e prosciugati da un po' di sole.
Il grano si rialza dal fango delle zolle, nei solchi c'è però ancora dell'acqua che riflette il cielo azzurro.
  


campanelle

Cielo di dicembre

Terso e lucente a volte come un cristallo, il cielo di dicembre ferisce l'occhio con il suo splendore. Ma più spesso è grigio e scuro, e pare lontano, quando addirittura non si nasconde dietro un velo pesante di nebbia.
Ma grigio e plumbeo o azzurro e terso il cielo assume sempre il colore e la trasparenza dell'occhio che lo guarda.
Quando assume un colore grigio-biancastro, dopo qualche ora in cui il cielo sembra quasi in attesa, si vedono scendere i fiocchi leggeri della neve.

NON SOLO RACCONTI DI NATALE, ma tanti contenuti che riguardano la nascita di Gesù Bambino.

Se ti piacciono le Poesie di Natale qui ne troverai davvero tantissime
Filastrocche di Natale 
Ascolta e leggi le Canzoni di Natale
Ti possono interessare anche le Canzoni per l'Avvento?
Recite di Natale per bambini di scuola primaria
Anche le Immagini di Natività ti possono interessare?
Se cerchi i Racconti di Natale da leggere o raccontare davvero ne troverai molti
Raccolta di Poesie di Natale in dialetto di tutte le regioni d'Italia
Le vecchie letterine di Natale che a guardarle ci fanno tornare bambini
Natale: La Festa più bella dell'anno
Per i bambini che vogliono colorare i Disegni di Babbo Natale 
Leggi le Tradizioni di Natale
Raccolta di Leggende di Natale
Più di cento lavoretti di Natale facili da realizzare 
Piante di Natale e il loro significato

Commenti

Potrebbero interessarti