Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 



Racconti di Natale

Racconto di A. G. Domenighini 
L'albero di Natale

Una musica lieta anima la pineta, dove le vecchie conifere si muovono ritmicamente, dondolando le cime. Poco discosto dai giganti del bosco c'è un pino. Un piccolo, esile pino, tutto verde, che ha visto con sbalordimento sciogliersi improvvisa la neve sui suoi rami e fiorire il bosco tutt'intorno.
Che sarà mai? - pensa il piccolo pino. E perché tanta musica ovunque?
E perché tanta gioia sulla terra? Ma cos'è quella stella accecante che si sposta lentamente nel firmamento?
Il piccolo pino, rispondendo alla sua viva curiosità, decise di disubbidire alle regole del bosco e si preparò a partire.
Con grande sforzo strappò le radici che lo ancoravano al bosco e iniziò la sua marcia verso la luce. Dapprima il passo parve facile e svelto, poi la profondità dell'abisso che gli apparve davanti lo fece arrestare.
Ma fu un attimo. La luce lo chiamava, l'avventura lo entusiasmava.
Allargati e intrecciati i rami, quasi a formarne un ombrello paracadute, il pino si lanciò nel vuoto.
E volò, mentre il piccolo cuore gli batteva calando rapidamente verso il fondo.
L'urto al suolo fu violento ma sopportabile perché l'erba folta del prato fiorito attutì il colpo e gli consentì di riprendere rapidamente l'equilibrio e la marcia.
La luce è là mormorò il pino ed è là che io debbo andare.
E, così egli riprese il cammino, allargando. le radici quando voleva il passo più lungo, diminuendo la corsa o fermandosi quando si sentiva stanco.
Cammina cammina, vide apparire l'alba e poi alzarsi il sole e il tramonto e scendere la notte.
Ma la cometa era  là alta nel cielo.
La faticosa marcia del pino continuava, nonostante il sudore che cadeva da ogni ramo, finché il pino cadde sfinito sul sentiero.
Dal cielo, all'improvviso, calò meraviglioso un fasci di luce e nella luce due angeli furono presso l'alberello. Il pino, raccolto dolcemente dai due angeli, iniziò il suo volo veloce verso la grotta.
Dinanzi a loro, sulla paglia, era un bambino nato da soli tre giorni: un visino meraviglioso, due occhi celesti. .
Quanta gente intorno e quanta festa al piccolo pino che, rimesso in forze, era stato posato dai due angeli sulla soglia della grotta!
Ognuno appendeva sui rami del pino un suo dono.
Ed erano delizie preparate dai pastori, attrezzi comuni di lavoro, oggetti d'oro e d'argento che a mano a mano arricchivano l'alberello.
Dietro ai Magi che entravano nella grotta, anche il pino mosse i primi passi, tintinnante e felice.
Aveva trovato posto in un angolo e seguiva commosso la scena.
Egli aveva percorso tanta strada, era sovraccarico di doni, eppure nessuno gli prestava attenzione. Ad un tratto si mosse dal suo torpore e, con un rapido movimento su se stesso, scosse i doni che risuonarono d'argento e crearono rumore.
Fu così che Gesù vide il piccolo pino, lo guardò amorevolmente e gli sorrise.
Quel sorriso accese tante luci su tutte le cime dei rami dell'albero, che divenne in quell'istante l'albero di Natale.

Buon Natale in tutte le lingue del mondo

Natale, Poesie di Natale, Filastrocche di Natale

NON SOLO RACCONTI DI NATALE, ma tanti contenuti che riguardano la nascita di Gesù Bambino.

Se ti piacciono le Poesie di Natale qui ne troverai davvero tantissime
Filastrocche di Natale 

Ascolta e leggi le Canzoni di Natale
Ti possono interessare anche le Canzoni per l'Avvento?
Recite di Natale per bambini di scuola primaria
Anche le Immagini di Natività ti possono interessare?
Se cerchi i Racconti di Natale da leggere o raccontare davvero ne troverai molti
Raccolta di Poesie di Natale in dialetto di tutte le regioni d'Italia
Le vecchie letterine di Natale che a guardarle ci fanno tornare bambini
Natale: La Festa più bella dell'anno
Per i bambini che vogliono colorare i Disegni di Babbo Natale 
Leggi le Tradizioni di Natale
Raccolta di Leggende di Natale