Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

 
Racconto di Natale
La Nascita di Gesù


Poesie di Natale, Canzoni di Natale, La Befana, Capodanno

Questo brano, tratto dal Vangelo di Luca, può essere letto a più voci (narratore, angelo, pastori, coro) o, integrato, può costituire la base per una vera e propria rappresentazione sulla nascita di Gesù.

In quel tempo fu emanato un editto da Cesare Augusto per il censimento di tutto l'Impero.
Questo censimento fu il primo che ebbe luogo quando Quirino era governatore della Siria.
Tutti andavano a farsi iscrivere ciascuno nella propria città.
Ed anche Giuseppe salì dalla Galilea, dalla città di Nazareth, per recarsi in Giudea, nella città di Davide, chiamata Betlemme, essendo egli del casato e della famiglia di Davide, per farsi iscrivere insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Ora, mentre si trovavano là, si compirono i giorni in cui ella doveva avere il bambino, e diede alla luce il Figlio primogenito; lo avvolse in fasce e lo adagiò in una mangiatoia, perché all'albergo per loro non c'era posto.
Vi erano in quella medesima regione dei pastori che pernottavano in mezzo ai campi per far la guardia al proprio gregge. Ora, un Angelo del Signore li avvolse di luce, sicché furono presi da un grande timore.
Ma l'Angelo disse loro: «Non temete, vi porto una lieta novella, che sarà di grande gioia per tutto il popolo; oggi vi è nato nella città di Davide il Salvatore, che è Cristo Signore».
Questo vi servirà di segno: voi troverete un Bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».
Poi subito si uni all'Angelo una moltitudine della milizia celeste, che lodava Iddio e diceva: 
«Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace In terra agli uomini di buona valontà».
E quando gli angeli li ebbero lasciati per tornare in cielo, i pastori si dicevano a vicenda:
«Andiamo dunque fino a Betlemme e vediamo qual è questo avvenimento accaduto, che il Signore ci ha fatto conoscere».
Allora se ne vennero in fretta, e trovarono Maria e Giuseppe, e il Bambino adagiato nella mangiatoia. E, dopo aver veduto, fecero conoscere quanto era stato loro detto del Bambino. Sicché tutti quelli che li udivano si meravigliavano di quanto veniva raccontato loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose e vi rifletteva in cuor suo.
I pastori intanto se ne ritornarono, glorificando e lodando Iddio per tutto quello che avevano udito e visto, conforme a quanto era stato loro detto.
Natale, Poesie di Natale, Filastrocche di Natale

Commenti

Potrebbero interessarti