Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Racconti di Halloween - zucca
Racconto di Ray Bradbury
Halloween

Era il pomeriggio della vigilia di Ognissanti. Tutte le case erano chiuse contro il vento freddo.
Un pallido sole illuminava la città.
Ed ecco, il giorno era svanito.
La notte uscì dagli alberi e allargò il suo manto.
Dietro le porte delle case si udivano grida soffocate, uno scalpiccio leggero di passi e s'intravedeva un tremolare di luci.
il vento si appollaiava fra gli alberi, poi spazzava il marciapiedi con gli artigli sottili di un gatto.
Tutto pareva tagliato in un morbido velluto nero, dorato, arancione. Dalle cucine esalava il profumo delle zucche; quelle svuotate della polpa e quelle che cuocevano dentro il forno. .
Il chiasso. dietro le porte chiuse delle case crebbe in maniera impossIbIle, mentre ombre dI ragazzi si stagliavano alle finestre.
Ragazzi semisvestiti, con la faccia unta di cerone; qua un gobbo, là un piccolo gigante.
Si frugava nelle soffitte, si forzavano chiavistelli, si buttavano all'aria vecchi bauli alla ricerca di costumi

Leggi i racconti di Halloween

Ti possono interessare anche le frasi di Halloween