Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

bastone
Racconto di Gianni Rodari -

Il bastone fatato

Un giorno il piccolo Claudio giocava sotto il portone e per la strada passò un vecchietto con gli occhiali d'oro che camminava curvo, appoggiandosi ad un bastone.Proprio davanti al portone il bastone gli cadde di mano.
Claudio fu pronto a raccoglierlo e lo porse al vecchio che sorrise e disse: - Grazie, ma non mi serve. Posso camminare benissimo senza.
Se ti piace, tienilo! Claudio rimase li, con il bastone fra le mani e non sapeva che fame.
Era un comune bastone di legno. Il bambino picchiò due o tre volte il puntaI e per terra, poi, quasi senza pensarci, inforcò il bastone ed ecco che non era più un bastone, ma un cavallo, un meraviglioso puledro che si lanciò al galoppo intorno al cortile,
Quando Claudio, meravigliato e un po' spaventato, riuscì a rimettere i piedi per terra, il bastone era di nuovo un bastone.
È certamente un bastone fatato - disse Claudio inforcandolo di nuovo.
Il pomeriggio passò veloce tra quei giochi. Verso sera, il bambino si affacciò per caso sulla strada, ed ecco il vecchietto dagli occhiali d'oro.
Ti piace il mio bastone? - domandò sorridendo.
Claudio credette che lo rivolesse indietro e glielo tese arrossendo.
Ma il vecchio fece cenno di no.
Che cosa ne faccio, ormai, di un bastone?
Tu ci puoi volare, mentre io mi ci potrei soltanto appoggiare.
E se ne angò sorridendo.

Commenti

Potrebbero interessarti