Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Come inventare le favole
Gianni Rodari


DUELLO DI PAROLE - Si prendano due parole a caso, dal vocabolario o da qualsiasi altro testo stampato, facendo bene attenzione a non introdurre alcun elemento volontaristico nella scelta. Un maestro, nella sua classe, potrà invitare due scolaretti a scrivere su un foglio, l'uno all'insaputa dell'altro, una parola ciascuno. Si gettino ora
le parole l'una contro l'altra e si osservino le varie combinazioni, si afferrino i suggerimenti espressi dal loro occasionale duello. Prima o poi le due parole non mancheranno di disporsi in modo da fornire l'immagine iniziale, il nucleo di una favola. Siano le due parole, a mo' d'esempio, « pianta» e « pantofola ». Dal loro incontro nascerà quasi subito l'immagine di una « pianta delle pantofole ». A questo punto preciso la favola è già nata, e basterà che il narratore sviluppi a suo talento, e secondo il suo temperamento, l'immagine iniziale. Un pessimista, probabilmente, narrerà la triste e deprimente storia di un povero contadino (o mugiko o fellagah) a seconda dell'ambiente storico-sociale) che possiede una sola pantofola e a cui un amico burlone insegna che, seminandola, vedrà crescere una pianta che recherà come
frutto la pantofola che gli manca, ecc. Un ottimista, al contrario, farà alzare il suo contadino (mugiko, fellagah) di buon ora per andare a zappare nel campo, dove giunto egli troverà che un vecchio fico ha fruttificato, ma da ogni ramo, al posto dei fichi, penderanno a due a due pantofole d'ogni foggia e colore che egli coglierà; aprirà un magazzino
per commerciarle, arricchirà ecc., probabilmente a patto che nessuno salga mai sul suo albero prodigioso. Un narratore d'indole burlesca, a questo punto, si deciderà a burlarsi del contadino-calzolaio, lanciandogli alle calcagna un lupo che lo obbligherà ad arrampicarsi lui stesso sull'albero delle pantofole, distruggendo l'incantesimo.
Il moralista trarrà facilmente una morale dalla favola. Non esiste niente al mondo da cui non possano trarsi almeno due dozzine di insegnamenti morali profondamente e irreparabilmente contradditori.
IL SASSO NELLO STAGNO. Questo metodo più raffinato e delicato di quello indicato al paragrafo « Duello di parole » consiste nell'affidarsi alle suggestioni di una sola parola. La si prenda a caso, con le solite garanzie; da un testo stampato, o dalla voce del prossimo, la si getti come un sasso nello stagno (apparente) della fantasia e si osservino attentamente i cerchi suscitati sulla tranquilla superficie da quell'eccitante intrusione . Un impulso irresistibile, prima o poi, vi suggerirà di varare la vostra barchetta su uno dei cerchi. Sia ad esempio la parola fuoco. L'avete gettata? Aspettate. Fuoco, fuoco, fuocherello.
Niente ancora? Abbiate pazienza. La fantasia sta mobilitando le sue onde per formare i cerchi. In questo momento il fuoco di Vesta, l'incendio di Troia e quello di Chicago, l'acciarino magico, la lampada di Aladino, la fiamma del vostro accendisigari, l'eruzione del Vesuvio del 79, tutti gli elementi della vostra memoria esistenziale, storica, lette-
raria e sociale che contengono la parola fuoco sono in agitazione. Rompe le nuvole una piccola pioggia di frasi fatte: col ferro e col fuoco; fuoco a volontà; non c'è fumo senza fuoco, ecc. Ecco apparire i primi cerchi. Improvvisamente l'occhio vi cade su una poltrona, mentre dentro di voi la voce grida: fuoco!
Ma proprio fuoco, col punto esclamativo.
Una esecuzione capitale . La poltrona fucilata. Via! Varate la vostra barchetta. Il dittatore vuole disfarsi dei suoi nemici. Egli odia la poltrona, che oppone ai suoi ordini una calma impassibile, una resistenza passiva delle più irritanti. Sia fucilata! Ma anche le pallottole la trapassano senza ucciderla. E' sempre una poltrona. Ci si può tuttavia schiacciare un sonnellino. Ed eccovi la storiella politica di cui avevate bisogno ».

CHE COSA SUCCEDEREBBE SE... Le ipotesi favolose sono infinite. La gente ha il torto di non accorgersene; ma in fondo quanta gente si è accorta dell'esistenza delle onde hertziane prima degli esperimenti di Hertz ? La favola, in questo caso, nasce dalla combinazione di un qualsiasi soggetto con qualsiasi domanda. Sia il soggetto la Sicilia. Che cosa succederebbe se la Sicilia... cominciasse a navigare? Tutto qui. Una mattina gli abitanti di Messina, al risveglio, si accorgono che Reggio Calabria, dall'altra parte dello Stretto, si è allontanata di parecchie miglia. La Sicilia ha salpato le ancore. ha tolto gli ormeggi, ha spiegato le vele al vento. Essa naviga in direzione di Gibilterra alla velocità di venti nodi all'ora. Allarme geografico-internazionale. Episodio marginale Il di un « ferry boat »  partito da Reggio che insegue la Sicilia attraverso il Mediterraneo Occidentale. Passerà da Gibilterra? Non passerà? ecc.
Altro esempio, sempre con il soggetto indicato. Che cosa succederebbe se la Sicilia volasse? Che cosa succederebbe se la Sicilia perdesse i bottoni? Altri esempi, con altri soggetti: Che cosa succederebbe se un coccodrillo bussasse alla vostra porta chiedendo un po' di rosmarino?
Che cosa succederebbe se... il vostro ascensore precipitasse al centro della terra? O schizzasse fin sulla luna? E così via.
Esercizio: Scrivete duecento domande del tipo « che cosa succederebbe se» con i seguenti soggetti: « la Sicilia, la pipa, la giraffa, la Regina d'Inghilterra».

INSALATA DI FAVOLE. Brevemente segnalerò ancora il metodo denominato « Insalata di favole ». Esso consiste nel combinare i personaggi di favole -diverse, in cui l'intreccio nascerà dallo scontro delle diverse caratteristiche dei personaggi scelti. Esempio: Pinocchio e i Sette Nani; Giona e il Pirata Uncino; Biancaneve e i Quaranta Ladroni. Cappuccetto Rosso e la Bella Addormentata nel bosco. In quest'ultimo caso, il lupo dovrebbe mangiarsi la Bella, che non si sveglierebbe nemmeno nell'istante cruciale, e il cacciatore, nello sventrare l'orso per liberare la ..nonna, ci troverebbe invece una bellissima principessa da sposare subito. ..

Commenti

Potrebbero interessarti