Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
C'era una volta... Una favola? Forse! Ma voglio raccontarvela lo stesso.
Una volta c'eri tu, nonna.
Ti ricordo benissimo e a volte, quando mi sento solo e non so con chi confidarmi, ti rivedo seduta sulla tua poltrona indaffarata a lavorare a maglia.
Quando entravo nella tua camera"mettevi da parte l'ennesimo gilé che mi confezionavi e stavi ad ascoltarmi. I tuoi occhi mi dicevano quello che gli altri non sapevano dirmi con mille parole, mi
rin francavano, mi sostenevano, mi ammonivano.
Mi ricordo il giorno in cui, per il tuo ottantesimo compleanno, ti regalai uno scialle ricamato con filo d'argento. La tua bocca mi diceva che eri vecchia per quel genere di articolo, ma i tuoi occhi erano
felici e bagnati di lacrime.
Poi lo appoggiasti sulle spalle, con grazia, e dopo esserti alzata sei andata allo specchio per ammirarti compiaciuta,
Con una mano ti sei aggiustata una ciocca di capelli che ti scendeva sulla fronte, con l'altra ti sei asciugata le lacrime.
Sì, una volta c'eri tu, nonna.
Una volta in tutte le case c'era una nonna come te. Una volta I Oggi nelle case non vedo più nonne, sono tutte via, chiuse in un ospizio, e forse tutte aspettano uno scialle.

Commenti

Potrebbero interessarti