Login

Pin It
Poesia di Giovanni Locurto
E lo chiameno Amore per il Prossimo
(ma le penne nun sò le sue, sò der pavone)

Mì zio all’ospitale stava sur letto der dolore

Cò dedizione e amore, de continuo, a tutte l’ore

a combatte la sora morte, che lo voleva portà via,

ce davamo er turno io, le mì sore e puro la mì zia,

La nemesi inesorabile s’ariggirava indolente,

fra tutte que le stanze e nun lassava gnente.

Ai fianchi e de rimpetto a lui, tre ammalati,

arcuni coccolati, antri dai parenti, lì lassati.

A ffronte de la stanza, l’ammalato de mancina,

sarvognuno, l’eveveno operato propio la matina,

stava abbioccato, la testa, da bende tutta infagottata,

si era morto oppur’addormentato mica se sgamava

Venuto ner frangente da ‘n zò dove,‘n ragazzotto,

lì d’appresso, lo coccolava come un bambolotto.

Mica solo stò fijo, ma tanta volontaria ggente,

tutt’intorno je stava, pè nun faje mancà gnente.

Er fatto, sì, se svorgeva ne la sofferenza; vabbè,

ma quell’omo veniva coccolato più de un vero re.

Come api operaie, volontari, medici e infermiere

arzaveno ‘n’andirivieni, come a ‘na primiere.

Cò quer giovinotto, ce se aiutava continuamente,

anche pè dà assistenza a quarche poro sofferente.

E sì, davamo un po’ de sollievo a quell’ammalati

Che ar momento ereno soli oppuro abbandonati

Entrato in confidenza cò quer fijo giovinotto

Che pè assiste er padre, je stava sempre sotto,

l’invitai a prennece ‘n caffè. Me faceva tenerezza

pè quer che ar padre dava cò amore e cò dolcezza.

Discorenno me dice che er padre era volontario,

da anni, lì drento l’ospitale e nò da saltuario.

E tutti, pè stima, o foss’anche pe benemerenza,

je staveno d’intorno sereni e puro cò pazzienza.

Er dumilaessei era, le idi de maggio e cò la mente

Aritorno ar marzo der dumila in un’egual frangente

Aveveno portato er pranzo pè li poveri ammalati

Alcuni faceveno da soli, antri impossibbilitati.

Un volontario entra, mentre imboccavo papà mio,

-Pè chi vole n’aiuto, gente, qua ce sò pur’io.-

Punto er dito su un’omo malandato e sofferente:

-Stamane j’ho dato un po’ de tè, ma pe ora gnente.,

Si lo poi fa magnà, che pè adesso sò occupato,

sinnò fra un po’er pranzo s’è tutto ariffreddato-.

Je se avvicina, nun l’aggrada e fa senza dà de paja:

- penzece tu -.Poi, giranno su li tacchi se la squaja.

Su la porta me dice:- fò un giro e poi aritorno-.

E invece sò stato io a daje er primo col contorno.

mò sta qui, di fronte a mì zio, trattato come un re.

Je dico fra de me:-tu nun t’aricordi, ma io sì de te!.-
Pin It

Commenti