Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di José De Espronceda
Il pirata 

Forte di dieci cannoni,
gonfia di vento la vela,
non sfiora il mare, ma vola
un veliero brigantin:
nave corsara nomata
per suo volar "La temuta ",
in tutto il mar conosciuta
dall'uno all'altro confin ...
va il capitano pirata,
lieto sul legno cantando,
Asia ed Europa mirando,
lungi, di contro, Istanbul. ..
- È la barca il mio tesoro,
il mio Dio la libertà;
leggi mie la forza e il vento,
la mia sola Patria il mar ...

Il suo tesoro è la barca, la libertà il suo Dio; la forza e il vento sono le sue leggi, mentre il mare è la sua patria.
Il pirata sfiora il mare con la sua barca, conosciuta e temuta da tutti i naviganti.

José Ignacio Javier Oriol Encarnación de Espronceda y Delgado (Almendralejo, 25 marzo 1808 – Madrid, 23 maggio 1842) poeta, giornalista e politico della Spagna. Tra le sue opere più conosciute vi è: A una estrella, ricorda la poesia di Leopardi Alla luna.