Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello 
Ah, vento luziano di Pienza

Dolce il ricordo di un felice evento

che osiamo chiamare aere perennius.

Ma la memoria spesso trae gioia

dal trattenere quel che più ci affanna,

quel che il nostro desiderio, pur volpe

astuta, non ha saputo cogliere.

Si acuisce il dolore dell'anima

al ricordo giovanile di un ventre

femminile gonfio di morte,

al pensiero fragile di una fuga

impossibile dal fievole chiarore della vita.

Come breve è il passo dalla vanità

al nulla, quando tutte le cose alle quali

abbiamo affidato il nostro zelo,

tutte le forme che apparivano

ai nostri occhi così nitenti, altro

non sono che uno zero, polvere

delle deserte notti del tempo.

Ah, vento luziano di Pienza,

asprigno come vino di S. Martino

che gemi e frughi tra i tetti rossi

delle case, d'attesa mi riempi

il cuore e d'assenza di spazio.

Tutto è sospeso in un vuoto abisso!

Leggi le più belle Poesie di Vincenzo Fiaschitello

Commenti

Potrebbero interessarti