Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

donnacontrasto
Poesia San Valentino

Cielo d'Alcamo
Contrasto

«Rosa fresca aulentis[s]ima ch'apari inver' la state,
le donne ti disiano, pulzell' e maritate:
tràgemi d'este focora, se t'este a bolontate;

per te non ajo abento notte e dia,
penzando pur di voi, madonna mia.»

«Se di meve trabàgliti, follia lo ti fa fare.
Lo mar potresti arompere, a venti asemenare,
l'abere d'esto secolo, tu.t[t]o quanto asembrare:
avere me non poten a esto monno;
avanti li cavelli m'aritonno.»

«Se li cavelli artòn[n]iti, avanti foss'io morto,
ca'n is[s]i [sì] mi pèrdera lo solacc[i]o e 'l diporto.
Quando ci passo e véjoti, rosa fresca de l'orto,
bono conforto dònimi tu[t]ore:
poniamo che s'ajunga il nostro amore.»

«Ke 'l nostro amore ajùngasi, non boglio m'atalenti:
se ci ti trova pàremo cogli altri miei parenti,
guarda non t'ar[i]golgano questi forti cor[r]enti .
Corno ti seppe bona la venuta,
consiglio che ti guardi a la partuta .»

«Se i tuoi parenti trova[n]mi, e che mi pozzon fare?
Una difensa mèt[t]oci di dumili' agostari :
non mi toc[c]ara pàdreto per quanto avere ha 'n Bari .
Viya lo 'mperadore, graz[i'] a Deo!
Intendi, bella, quel che ti dico eo?»

«Tu me no lasci vivere né sera né maitino.
Donna mi so' di pèrperi, d'auTo massamotino .
Se tanto aver donàssemi quanto ha lo Saladino ,
e per ajunta quant'ha lo soldano ,
toc[c]are me non pòteri a la mano.»

«Molte sono le femine c'hanno dura la testa,
e l'omo con parabole l'adimina e amonesta:
tanto intorno procàzzala fin che'll'ha in sua podesta.
Femina d'orno non si può tenere:
guàrdati, bella, pur de ripentere.»

«K'eo ne [pur ri]pentésseme? davanti foss'io aucisa
ca nulla bona femina per me fosse ripresa!
[A]ersera passàstici, cor[r]enno a la distesa .
Aquìstati riposa, canzoneri :
le tue parole a me non piac[c]ion gueri .»

«Quante sono le schiantora che m'ha' mise a lo core,
e solo purpenzànnome la dia quando vo fore!
Femina d'esto secolo tanto non amai ancore
quant'amo teve , rosa invidiata:
ben credo che mi fosti distinata .»

«Se distinata fòsseti, caderia de l'altezze,
ché male messe fòrano in teve mie bellezze.
Se tut[t]o adivenìssemi, taglìarami le trezze ,
e conspre m'arenno a una magione ,
avanti che m'artoc[c]hi 'n la persone .»

«Se tu consore arènneti, donna col viso cleri ,
a lo mostero vènoci e rènnomi confleri:
per tanta prova vencerti fàralo  volonteri.
Conteco stao la sera e lo maitino:
besogn'è ch'io ti tenga al meo dimino .»

«Boimè tapina misera, com'ao reo distinato!
Il Geso Cristo l'altissimo del tut[t]o m'è airato;

concepìstimi a abàttare in orno blestiemato .
Cerca la terra ch'este gran[n]e assai,
chiù bella donna di me troverai.»

«Cercat'ajo Calabr[i]a, Toscana e Lombardia,
Puglia, Costantinopoli, Genoa, Pisa e Soria,
Lamagna e Babilonia [e] tut[t]a Barberia ;
donna non [ci] trovai tanto cortese,
per che sovrana di meve te prese .»

«Poi tanto trabagliàsti[ti], fac[c]ioti meo pregheri
che tu vadi adomàn[nJimi a mia mare e a mon peri.
Se dare mi ti degnano menami a lo mosteri ,
e sposami davanti da la jente;
e poi farò le tuo comannamente .»

 Poche notizie sulla sua vita. Nacque alla storia letteraria nel XVI secolo, quando Angelo Colocci gli attribuì il celebre contrasto «Rosa  fresca aulentissima». Esso rappresenta una schermaglia fra un uomo, probabilmente un giullare, e una giovane donna, che alla fine cede alle profferte amorose.
Il componimento presenta vistose mescolanze fra lingua aulica e dialetto o forme realistiche.La sua composizione può essere compresa fra il 1231 e il 1250.

Leggi le Poesie San Valentino

Commenti

Potrebbero interessarti