Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Festa delle donne 8 marzo


Tendenza a criticare in maniera molto forte l'organizzazione e le consuetudini di vita della società contemporanea, fondate sulla distinzione dei sessi e sulla diversità dei ruoli tra uomo e donna. Il femminismo non va confuso con uno dei tanti movimenti femminili, che si sono battuti o si battono per l'emancipazione della donna. Questi
hanno come fine lo parità giuridica e sociale della donna con l'uomo.

I primi movimenti femminili sorsero tra fine Ottocento e l'inizio del Novecento. Il femminismo, invece, è sorto nel secondo dopoguerra (cioè, dopo lo seconda guerra mondiale) ed ha avuto un grandissimo sviluppo durante la contestazione del Sessantotto. Per quasi tutti gli anni Settanta, esso è stato al centro della cronaca. Poi, alla fine di questo
decennio, ha avuto una battuta di arresto. Esso, però, anche se non ha avuto l'aggressività precedente, negli anni Ottanta non è sparito. Ha cambiato atteggiamento, ma ha 'continuato ad operare.
All'interno del femminismo hanno agito vari gruppi, varie riviste e vari giornali. Per questa sua natura, esso ha avuto programmi e parole d'ordine diversi.

Fondamentalmente, però, tutti i gruppi femministi hanno in comune la volontà di dare totale e piena libertà di comportamento alla donna, di opporre alla cultura ufficiale
largamente dominata dai valori maschili una nuova cultura fondata sui valori tipici della femminilità, di sovvertire e rivoluzionare l'ordine sociale esistente, di denunziare il matrimonio come forma legale di prostituzione e lo maternità come
causa di sfruttamento della donna, di accogliere e sostenere le battaglie dei gruppi femminili marginali (prostitute, ecc.).

Commenti

Potrebbero interessarti