Login

Pin It

La leggenda dell'ostrica e della perla
di Dario Fo

Il  giovane di Tunisi
che nero come un'ostrica
di lei s'innamorò,
aveva gli occhi d'onice,
il corpo d'una statua,
lo sguardo d'una vergine
per tanto ch'era timido:
perciò si innamorò
di lui s'innamorò.
Leonora più che candida,
l'Infanta di Castiglia,
la pelle di magnolia,
l'orecchie di conchiglia,
di lui s'innamorò,
di lui s'innamorò:
del giovane di Tunisi
che nero più di un' ostrica,
vedendola sbiancò.
Le braccia di quell'ostrica
intorno a lei si chiusero.
Con labbra che tremavano
Leonora più che candida
la bocca gli donò,
la bocca gli donò.
Ma dal torrion la videro
tre suoi fratelli pallidi.
Le frecce lampeggiarono:
il giovane di Tunisi
nel mar con lei piombò,
nel mar con lei piombò.
Pìombò con lei stringendola,
lui nero come un'ostrica,
con lei si sprofondò,
lei madreperla pallida.
Il negro in fondo al mare
si chiuse come un'ostrica,
di morte nel pallore
lei perla diventò.

Da Isabella, tre caravelle e un cacciaballe

Dario Fo, pagine scelte dalle commedie del Premio Nobel per la Letteratura

Ti possono interessare anche

Frasi di Dario Fo

Dario Fo
Aveva due pistole con gli occhi bianchi e neri
Seppelliamoci

Dario Fo
Settimo: ruba un po' meno
Le donne dei Crociati

Pin It

Commenti