Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

ferroviere
Poesia di Pablo Neruda
Il padre
Il padre brusco torna dai suoi treni:
riconoscemmo nella notte
il fischio della locomotiva
che forava la pioggia
con un ululo errante,
un lamento notturno,
e poi la porta che tremava:
una raffica di vento
entrava con mio padre
e sotto il doppio spingere e pestare
la casa traballava,
le porte spaventate
sbattevano con secchi
spari di pistola, le scale gemevano
e una voce tonante sgridava, risentita,
mentre la tempestosa
ombra, la pioggia a cateratte
rovesciate sui tetti
annegava a poco a poco il mondo
e non si udiva nient'altro che il vento
in lotta con la pioggia.

Ciò nondimeno, era diurno.
Capitano del suo treno, dell'alba fredda,
appena spuntava
il sole incerto, Il c'era la sua barba,
c'erano le sue bandiere
verdi e rosse, pronti i fanali,
il carbone nell'inferno della macchina,
la stazione coi treni nella bruma
e il suo dovere verso la geografia.
Il ferroviere è un marinaio a terra
e nei piccoli porti senza mare
borghi del bosco - il treno corre e corre
sfrenando la natura,
navigando per terra.
Quando riposa il lungo treno
gli amici si ritrovano,
entrano, si apre la porta dell'infanzia,
la tavola vacilla,
all'urto di una mano ferroviaria
squillano i grossi bicchieri fraterni
e, fulgidi,
sfavillano
gli occhi del vino.

Il mio povero padre aspro di modi
era Il, nel fulcro della vita,
l'amicizia virile, pieno il bicchiere. 
La sua vita fu una rapida milizia 
e tra le sue levatacce e i suoi viaggi, 
tra un rincasare e un ripartir di corsa, 
un giorno più piovoso di altri giorni,

il macchinista José del Cannen Reyes
salì sul treno della morte e finora non è tornato.