Poesia di Renzo Pezzani - La spigolatrice

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Renzo Pezzani 
La spigolatrice

Bimbetta povera che cerchi grano,
ieri la falce passò di qui
e non rimasero che stoppie grame
con questo sole di mezzodì.

No; vi rimase una spiga perduta
come la piuma d'un uccellino.
 I mietitori non l'hanno veduta,
dormiva in terra come un bambino.

Stelo falciato somiglia uno spino:
l poveri piedi che nudi vanno
dietro il passo del contadino
a cercare il pan d'un anno.


Che un poco oggi, un poco domani:
spiga con spiga si fa un fascetto,
con un fascetto si fan tre pani
e ci campa un poveretto.

Leggi le poesie sull'estate