Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesia siciliana
Oh terra mia d'aranci

Ottujorna di festa
e ora si nni vannu
ca non è chiù Natali
Ie mancu Capudannu.

Ritornanu nta nivi
  unni c'è negghia e scuru,
e c'è un padruni straniu
e c'è u travagghiu duru.

Unni sunnu chiamati
pi ncìuria, terroni,
e l'òmini da Sicilia
o non semu genti boni.

E partinu cu suli
e nto trenu senza suli
cu cori chi ci doli
e un gruppu nni li guli.

Nto trenu senza suli
a cu cori chi ci chianci:
"Addiu bedda Sicilia,
  oh terra mia d'aranci!

Oh terra mia d'aranci,
d'aranci e di canzuni;
u latti mi lu dasti
  ma pani un mi nni duni".

Partinu a la vintura;
  i treni sunnl chini;
  i manu chi salutanu
fora di finistrini.

Commenti

Potrebbero interessarti