Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nuraghi
Poesia Sarda 
di Tonino Mario Rubattu 
Frimmati, furistieri - Fermati, straniero 

L'ltalia dei dialetti: Sardegna

S'ides su nuraghe
in gas alturas
chi dae sempre.
gherrat con su 'ento,
frimmati, furisteri, unu momentu
ca che ses dadu in sa Terra mia.

Si de barveghes
bélidas t'arrivin,
de su pastore
su tristu lamentu,
s'andare tou,faghe pius lentu
ca sunt feridas de sa Terra mia
S'àrvures notas
chena fruttu e fozzas,
pàsculos siccos
chena nutrimentu,
s'oju tou faghe pius attentu:
sun sas piaes de sa Terra mia.
Si solitariu
peri sas montagnas
su bandidu incontras
con s'armamentu,
culpa es' totta de s'isolamentu
che da mill'annos patit Terra mia.


Traduzione Italiano
Se vedi il nuraghe
sulle alture
che da sempre
lotta con il vento,
fermati, forestiero, per un momento
ché sei capitato nella mia Terra.
Se ti arrivano
belati di pecore
e il triste lamento
.del pastore,
rallenta il passo
ché sono le ferite della mia Terra.
Se noti alberi
senza frutto e foglie,
pascoli secchi
senza nutrimento,
aguzza lo sguardo:
sono le piaghe della mia Terra.
Se solitario
per le montagne
incontri il bandito
armato,
è tutta colpa dell'isolamento
che da mille anni soffre la mia Terra.

La Sardegna che il poeta vuoi farci conoscere è una « Terra antiga » (cosi egli la chiama in qualche altro suo componimento), con aspetti che da tanto tempo fanno parte del suo paesaggio, della sua storia, delle sue tradizioni.
Il progresso ha modificato ben poco la sua vita sociale ed economica. 
Cosi, se l'isola da una parte è rimasta fedele al suo passato, dall'altra non è riuscita a guarire le proprie « ferite », le proprie condizioni di miseria e di arretratezza, che sono spesso la causa anche di un fenomeno come il banditismo.
In questo « ritratto » della Sardegna, non poteva mancare l'immagine del nuraghe (che sulle alture « dae sempre / gherrat con su ' entu »). La troviamo già nella poesia popolare sarda: vedi ad es. l'inizio di uno di quei b;evi canti che i Sardi chiamano mutos:
Trich'in colòr' 'e mele / mèssan sos Lodeinos / i mnes' 'e tre nnuraches.../
Grano colar del miele / mietono i Lodeini / in mezzo a tre nuraghi... /

Commenti

Potrebbero interessarti