Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesia anzanese
di Rosa Staffiere

La Neve A Lu Paiese Mie


Ntò lu pajese mmiezze a ri muntagne
li juocche de neve èrene cume tante
palummelle janghe
e cummigliava tutte ri còse e ri case.
Nun si faceva quera a lu pajese mie
se la matina nun virivi né ciele
né tèrra, ma éra tutte spaharute
sotte a nu lenzule repezzate
da qua e da ddhà da antò asseva
mettenne la cape fòre lu cacciafume
o frasche chiene di piscili.
Era tutte accussi ghianche
ca avivi chiure l ’ uocchie
pe nun ti ncicalì
cume fusse state nu sole cucente.
Po ’ te pareva d ’ esse diventate surde
viste ca nun si senteva nu rumore
sintivi suli li battiti di lu còre.
Pe te cunsulà dicivi che era lu pajese
de re fate ntò tutte era cume
a la bella addurmentate
e èrime tutte strehate e priggiuniere
de quera neva janca
ca vulava cume a na pòddhela
mai stracca.

Traduzione
LA NEVE AL MIO PAESE

Nel paese tra i monti
I fiocchi di neve erano come tante
colombelle bianche
e copriva tutte le cose e le case.
Non si faceva caso al paese mio
se la mattina non vedevi né cielo
né terra, ma era tutto sparito
sotto a un lenzuolo rattoppato
di qua e di là da dove usciva
mettendo la testa fuori il comignolo
o rami coperti da stalattiti
Era tutto così bianco
che bisognava chiudere gli occhi
per non accecarti
Come fosse stato un sole rovente.
Poi avevi la sensazione di essere sordo
visto che non si sentiva alcun rumore
e si sentiva solo il battito del cuore.
Per consolarti dicevi che era il paese
delle fate dove tutto appariva
come la favola della Bella Addormentata
ed eravamo tutti stregati e prigionieri
di quella neve bianca
che danzava nell'aria come farfalla
mai stanca.

Commenti

Potrebbero interessarti