Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia anzanese, le poesie dialettali
di Rosa Staffiere

La Festa De Lu Pajese

Cume cavaddhi ca lu tafìne face scalicià
accussì la cuntantezza, ferme nu ri face sta
e scautanne antiche ausanze
la festa patrunale si preparava cu baldanza.
Li ntuocche di campane a festa
scazzicavene cristiane che la vèsta
nòva cuntente si mettevene
e l ’ acieddhe che vulavene
ncimma a lu campanile
ri bidivi fa li matte pe lu ciele.
Mmiezze a la chiazza ri bancarèddhe
èrene chiene di turruni e nuceddhe
e statte pure cèrte
ca nun mancavene ri nferte.
Cu la voce alita l ’ ambulante
avantava pettenesse e mutante,
la vecchia savignanese cuntava stòrie
di ziti, di muorti e accisitòrie
n ’ enchievene l ’ uocchie di chiante
a penzà a ri sufferenze di quera gènte.
Ma ti cunzulave a lu bancone
nt6 si sparava cu li pallettoni
e se lu pazziarielle careva da la scanzia
allehre ti ni scivi pe la via.
Si senteva de crepà di currifi a mmòrte
chi aveva sciucate a ri tre carte
ntò si scummettevene li sulduni
pe la gioia maligna de li mbrugliuni.
Ntò steva la fèra pròprie belle
era anto mò stai la villa
ddhà vidivi li cavallari
cuntrattà e fà affari
cu la faccia sarduta e strafuttente
menà addrète lu cappieddhe e fa cumplimente
a l ’ animali cu lu jate cucente.
Cuntavene li dient, alizavene li zuocchele
facevene vedè ri gròppe pure di li vruocchele
ri facevene truttà
dicenne ca èrene bbuone pe carrà
e lu traine cu ri grègne tirà.
Ri femmene ringrazianne la sòrte
vennevene li prodotte de l ’ uorte
allora ferneva la cuntrattazione
e currevene tutti ala pruggissione.


LA SAGRA DEL PAESE
Come cavalli che il tafano fa scalciare
così la gioia fermi non li faceva stare
e rovistando tra antiche usanze
la festa patronale si preparava con baldanza.
I rintocchi di campane a festa
svegliavano le persone che la veste
nuova, contente, indossavano
e gli uccelli che volavano
zigzagando sul campanile
li vedevi fare i pazzerelli nel cielo.
In piazza, le bancarelle
erano piene di torroni e nocelle
e state pure certi
che non mancavano “ l ’ nferte ” .
Con voce alta l ’ ambulante
decantava i pettini e le mutande
la vecchia di Savignano cantastorie
parlava di fidanzati, morti e sparatorie
si riempivano gli occhi di pianto
a pensare alle sofferenze di quella gente.
Ma ti consolavi al bancone
dove si sparava con i pallettoni
e se il giocattolo cadeva dalla scansia
allegro te ne andavi per la via.
Si sentiva morire di crepacuore a morte
chi aveva giocato alle tre carte
dove si scommettevano bei soldoni
truffati con gioia da imbroglioni.
Dove stava la sagra bella
era dove ora sta la villa
là vedevi i cavallari
contrattare e fare affari
con la faccia arsa e strafottente
buttare indietro il cappello e fare il complimento
agli animali col fiato cocente.
Contavano i denti alzavano gli zoccoli
facevano vedere i garretti pure dei brocchi
li facevano trottare
dicendo che erano validi per arare
e il carro con le biche tirare.
Le donne ringraziando la sorte
vendevano i prodotti dell'orto
allora smettevano la contrattazione
e tutti correvano alla processione.

Commenti

Potrebbero interessarti